venerdì 25 aprile 2008

LA MIA STELLA ALPINA

Sono solo,
una quiete illumina la valle buia sotto di me,
dentro di me.
Chiudo fuori il resto del mondo
e mi faccio passeggero del vento.
Le mie mani sudate e i miei occhi stanchi
cercano aiuto nella dura montagna.

Poi ti vedo, sorridi bianca,
sei il fiore più bello,
sceso dal cielo come un fiocco di neve,
spuntare lassù, sull'ultima irragiungibile roccia.
E come un fiocco di neve svaniresti,
se ti volessi rubare alla vita.
Allora,solo con la mente,
le mie dita ti sfiorano con dolcezza,
per posarti,tra le pagine di quel libro
che porto sempre con me.




4 commenti:

  1. montagnesottosopra25 aprile 2008 22:04

    Questo piccolo pensiero è dedicato a Marisa , conosciuta per caso un giorno particolare in montagna. Ancora oggi vive in me quella stella alpina. Grazie a te Dorino, per le belle parole .

    RispondiElimina
  2. Dorino writes:

    Signori miei. Alpinisti dai continui record.Questo è un vero uomo di Montagna. Imparate da lui. Imparate dalle sue Parole.Buona MOntagna e Felice Vita da Dorino.

    RispondiElimina
  3. frivoloamilano26 aprile 2008 17:04

    Bella la lirica e belle, soprattutto, le motivazioni.Credo che la tua compagna Marisa, possa essere orgogliosa e fiera di te ....e del tuo amore per Lei e per la Montagna! Ti chiedo scusa Luca se approfitto per aggiungere un postilla al commento di Dorino. Non vorrei sembrare il difensore di una categoria che non mi appartiene più da anni; sono una romantico montanaro e mi definisco alpinista con parsimonia, ma Dorino siamo noi i "veri uomini di Montagna"?con affetto frivoloamilanoCiao Luca domani si va!

    RispondiElimina
  4. Nadia writes:

    Che bella poesia Luca...complimenti!!! specie perchè la dedichi alla tua Marisa...e la paragoni a lei....mi hai commosso!!! siete proprio due adorabili Luca...tu e il mio Luca!!!Ciao

    RispondiElimina