sabato 2 novembre 2013

CELLON: la vera meta non è la cima

Marisa e Luca 27 ottobre 2013

Sabato il meteo ha visto giusto, regalando, a chi ha osato, un bel mare di nubi. Noi ci proviamo domenica, sull’onda dell’entusiasmo, in un periodo in cui per sfortuna si viaggia senza grandi certezze e senza grandi programmi. Comunque tentiamo, cerchiamo una meta accessibile, sopra i 2000, dove il tempo dovrebbe essere migliore, così dice il meteo. Abbiamo un po’ di dubbi a dire il vero ma osiamo. Andremo sulla Creta di Collinetta, già teatro della grande guerra e di un’altra nostra salita con tempo incerto.


...
Mentre il cielo ci accoglie grigio e minaccioso,la strada che ci porta al Passo di Monte Croce Carnico è uno spettacolo di colori, sfumature autunnali invadono i nostri pensieri, mettendo in secondo piano il tempo. Al Passo ancora grigio e vento freddo, ma dobbiamo salire, così dice il meteo e allora non perdiamo tempo. Abbiamo un sacco di dubbi ma per un attimo chiudiamo gli occhi e senza parlare ci lasciamo andare. Come delle ombre andiamo su per la montagna, nel bosco, sull’erba, sul sentiero coperto di foglie rosse, immersi nei colori d’autunno. Anche se la nebbia non ci regala per ora il cielo azzurro sentiamo il corpo prevalere sulla mente.

Anche oggi cercheremo di dipingere la nostra tela, più o meno chiara, dipenderà da noi. La meta poi, diventa meno importante, o perlomeno, la destinazione non è più la meta. La nebbia infatti fa strani effetti, i colori si mischiano, i pensieri escono dalla tela che stiamo cercando di dipingere, quando davanti a noi uno scorcio ci propone nuovi quadri da interpretare.


Il vento muove tutto, la Cresta Verde appare all’improvviso, come la Creta di Collina, le nuvole corrono, ci piacerebbe godercela correndoci sopra.
Ma oggi è solo un attimo quello che riusciamo ad assaporare, basta il tempo di arrivare in cresta che il quadro è cambiato di nuovo e noi ci ritroviamo avvolti da un senso di inquietudine.


Proviamo ad andare in cima, ma sappiamo che oggi non è quella la nostra meta.


Mentre percorriamo in discesa la vecchia mulattiera e lo stretto sentiero che porta giù, verso il pianoro di Casera Collinetta e poi verso il Passo, nel silenzio quasi totale, interrotto solo dalle raffiche del vento, possiamo riflettere.


La montagna è un po’ metafora della vita, spesso possiamo godere di attimi che ci riempiono, ma che a volte durano troppo poco e quando ci mancano vediamo tutto grigio. Ecco, oggi è andata così.

8 commenti:

  1. frivoloamilano3 novembre 2013 10:11

    Le foto di quello sprazzo d'azzurro sonon davvero belle, con la Creta di Collina così immanente vista dalla Cresta Verde. Il grigio ha una connotazione negativa di solito ma, in questo caso, è solo un altro modo della montagna di mostrarsi o di non mostrarsi e forse questo è quello che affascina nelle salite tra le nebbie.ciao ;)

    RispondiElimina
  2. sai quanti ne ho incontrati che per loro la montagna è solo arrivare in cima...non hanno capito davvero niente di questo mondo meraviglioso...ma sai cosa ti dico, meglio cosi, evitiamo cosi di incontrarli...mandi, mandi:) :D

    RispondiElimina
  3. giovanni writes:foto suggestive!mandi

    RispondiElimina
  4. montagnesottosopra4 novembre 2013 22:11

    Originally posted by frivoloamilano:Le foto di quello sprazzo d'azzurro sonon davvero belle, con la Creta di Collina così immanente vista dalla Cresta Verde. Il grigio ha una connotazione negativa di solito ma, in questo caso, è solo un altro modo della montagna di mostrarsi o di non mostrarsi e forse questo è quello che affascina nelle salite tra le nebbie.ciao ;)

    alla fine il grigio assorbe i colori, ma noi sappiamo che dentro ci sono tutti ....da qualche parte ;) !

    RispondiElimina
  5. montagnesottosopra4 novembre 2013 22:11

    Originally posted by anonymous:giovanni writes:foto suggestive!mandi

    beh grazie! un grosso aiuto dalla macchina :D !
    Mandi

    RispondiElimina
  6. montagnesottosopra4 novembre 2013 22:11

    Originally posted by Highlanders:sai quanti ne ho incontrati che per loro la montagna è solo arrivare in cima...non hanno capito davvero niente di questo mondo meraviglioso...ma sai cosa ti dico, meglio cosi, evitiamo cosi di incontrarli...mandi, mandi:) :D

    l'importante è il percorso, la cima è solo un traguardo .
    Mandi

    RispondiElimina
  7. Nadia writes:Prendila così: siete andati in perlustrazione, per la prossima volta che sarà stupenda! Se oggi non vi ha voluti significa che non sarebbe stato tutto "perfetto"! Di solito è così!Saluti ad entrambi!!!

    RispondiElimina
  8. montagnesottosopra7 novembre 2013 19:11

    Originally posted by anonymous:Nadia writes:Prendila così: siete andati in perlustrazione, per la prossima volta che sarà stupenda! Se oggi non vi ha voluti significa che non sarebbe stato tutto "perfetto"! Di solito è così!Saluti ad entrambi!!!

    il vero traguardo era camminare sopra le nuvole, per ora ci accontentiamo di camminarci dentro ! :D :D :D .... un pò alla volta .

    RispondiElimina