venerdì 20 gennaio 2012

DURON, CUAR, NAVANTES : semplice ma per nulla scontato.

Marisa e Luca 15 gennaio 2012

Mentre attraversiamo il ponte sul But e risaliamo in auto la stretta stradina per Fusea, chiacchierando di tutto un po’, non immaginiamo neanche come sarà la nostra giornata, per nulla scontata. 

 

L’escursione di oggi è di quelle rilassanti e brevi, almeno così abbiamo scelto. Di quelle che puoi partire tardi, dove non ci sono tempi da rispettare. Di quelle dove puoi liberare la vita dagli impedimenti di tutti i giorni, di quelle dove il corpo e la mente si lasciano andare senza pensieri.
La meta è forchia Navantes, ma ci interessa poco, l’importante è muoversi nell’habitat che preferiamo, sull’erba, sulla neve, sulla montagna, nel bosco, con un contorno di panorami che sono stati davvero una piacevole e inaspettata sorpresa.
A forcella Duron ci lasciamo portare, non c’è un sentiero che sale sul monte omonimo, si sale a vista per i prati, come se fossimo noi a conoscere la giusta direzione, non segnata sulla carta …… ma che esiste, c’è e basta. Il bello di questa breve escursione sta proprio nel fatto che la meta non è importante, ma si prova un grande piacere a camminarci sopra.





Mentre saliamo ci spostiamo da un lato all’altro del piccolo monte, da un lato all’altro come il pennello di un pittore dipingiamo la nostra tela sfruttando gli scorci che la natura ci regala.
Raggiunta la cima il quadro continua a cambiare, un albero isolato, l’Amariana, la valle del But, tra le cime spicca l’inconfondibile sagoma della Creta di Aip, si vede il Canin dal versante della Val Resia. Il Sernio in primo piano....prima o poi mi deciderò a salirlo. E’ bello anche fermarsi a respirare l’aria frizzante e a guardare il cielo azzurro. Laggiù in fondo la città, con i suoi fumi, i suoi motori, i suoi ingranaggi.










Giù in discesa, poi la risalita per la cima del Cuar, anche qui la traccia è appena visibile, l’ultimo tratto ancora a vista mirando alla cima in parte nascosta da un bellissimo bosco di faggi contorti.
Poi ancora la discesa nel fitto bosco, con la neve la direzione è incerta ma ancora i bollini gialli ci guidano a forchia Navantes.












Duron, Cuar, Navantes, saliscendi di nomi altisonanti e sconosciuti per un percorso semplice, per una giornata semplice, come la stradina per il ritorno, che ci porterà piano verso la città e le sue grigie abitudini.





Da questa parte si apre un'altra prospettiva ancora, verso l’Arvenis, verso il Monte Dauda, semplice ma per nulla scontata.

9 commenti:

  1. frivoloamilano21 gennaio 2012 11:01

    Semplice e gratificante. E' il periodo giusto per queste escursioni e per queste "scoperte", l'importante è essere pronti a farsi soprendere. Uhm....il Sernio... :rolleyes: ciao

    RispondiElimina
  2. giovanni writes:/si sale a vista per i prati, come se fossimo noi a conoscere la giusta direzione/come un uomo appena nato che ha di fronte solamente la natura e cammina dentro un bosco con la gioia di inseguire un'avventura, sempre libero e vitale...mandi!

    RispondiElimina
  3. giovanni writes:... dimeticavo i dovuti credits a gaber

    RispondiElimina
  4. montagnesottosopra21 gennaio 2012 18:01

    Originally posted by frivoloamilano:frivoloamilano # Saturday, January 21, 2012 10:01:08 AMSemplice e gratificante. E' il periodo giusto per queste escursioni e per queste "scoperte", l'importante è essere pronti a farsi soprendere. Uhm....il Sernio... ciaoe già ... il Sernio, è sempre stato repulsivo per me, ma sta cominiciando a destare qualche piccolo interesse:D

    RispondiElimina
  5. montagnesottosopra21 gennaio 2012 19:01

    Originally posted by anonymous:Anonymous # Saturday, January 21, 2012 5:40:33 PMgiovanni writes:... dimeticavo i dovuti credits a gaberEh già !La libertà non è uno spazio libero....... ;)

    RispondiElimina
  6. L'albero sul pendio farà parte del prossimo calendario? Ciao Luca e Marisa.

    RispondiElimina
  7. montagnesottosopra22 gennaio 2012 23:01

    Originally posted by lor74cas:Lorenzolor74cas # Sunday, January 22, 2012 9:13:37 PML'albero sul pendio farà parte del prossimo calendario? Ciao Luca e Marisa.Ciao Lorenzo e Silvia. la foto è particolare è vero, ma ci voleva un pò di neve per rappresentare gennaio .....

    RispondiElimina
  8. Luca l Alpinauta writes:per niente scontato, anzi! uno degli angoli che preferisco nella carnia

    RispondiElimina
  9. montagnesottosopra30 gennaio 2012 22:01

    Originally posted by anonymous:Anonymous # Monday, January 30, 2012 10:24:59 AMLuca l Alpinauta writes:per niente scontato, anzi! uno degli angoli che preferisco nella carniaa volte appena dietro l'angolo !

    RispondiElimina