lunedì 27 aprile 2015

SAN SIMION VUARDINOS ..........



Era venerdi 27 marzo, un mese fa.
Ho sentito Flavio per telefono, mi ha chiesto se andavo con lui l'indomani sul San Simeone.
Avevo un impegno, è andato da solo
Forse se eravamo assieme sarebbe andata così, come quella volta 
era sempre di Marzo 


  e vorrei tanto fosse stato così .........vorrei tanto tornare indietro di un mese..... 

10 commenti:

  1. ...ma non si può, purtroppo. Si può solo andare avanti, con quella spina che punzecchia il cuore. Un abbraccio a tutti voi.
    Nadia. . . dal cellulare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo lo so Nadia........ è giusto.
      Ciao

      Elimina
  2. Forse Luca se andavi anche tu sarebbe successo ugualmente, io credo che il nostro destino sia già scritto, io sono uscito con le mie gambe da un'incidente stradale in cui potevo perdere la vita la vigilia di Natale, sotto lo sguardo sbigottito dei vigili senza un graffio, provocato da altri che non avevano visto lo stop. Flavio amava la vita e la montagna e sicuramente avrebbe voluto ancora andare per terre alte con te, ma la vita a volte ci riserva delle sorprese che non riusciamo a comprendere, come un libro dalle pagine bianche, su cui ogni giorno viene scritta la nostra storia, nessuno di noi sa di quante pagine ne sarà composto, ma spetta a noi scriverne le più belle cosi che quelli che ci sono attorno se ne ricordino...e Flavio ne ha scritte tante bellissime...mandi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Fabio,
      Chissà quante storie sta scrivendo Flavio sul suo libro ............... poi con la sua fantasia troverà anche il modo di suggerirci le parole per continuare a riempire le nostre pagine ancora bianche
      Mandi

      Elimina
  3. Ha ragione Nadia, con i se e i ma non si va da nessuna parte. Bisogna continuare il cammino per i sentieri della vita.
    Quando sarai su una cima alza lo sguardo, osserva le nuvole bianche e sicuramente vedrai il su baffo e il suo sorriso.
    E, voi che lo avete conosciuto, cercate di rimanere vicini alla sua famiglia.
    Marco(X°)

    RispondiElimina
  4. Marco (x°), con la famiglia in questo momento ci sentiamo praticamente ogni giorno e ci vediamo spesso ............

    Certamente avete ragione, continueremo a disegnare le tracce dei nostri sentieri, senza dimenticare...... è solo che siamo ancora increduli........

    RispondiElimina
  5. Ciao Luca è passato un mese, sì proprio un mese ed io spesso ci penso e mi chiedo "già un mese?"e delle volte "solo un mese?"Non riesco a spiegarmi il perché ma una cosa è certa, sono anche io come te ancora incredulo.Mi immagino ancora di andare a trovare gli zii di mia moglie a Cervignano e varcando la porta di casa vedere Flavio lì seduto sul divano.Purtoppo resterà solo immaginazione, non sarà niente piu come prima ci resteranno solo i ricordi più belli passati insieme.Sono convinto pure io che anche se ci fossi stato tu insieme se doveva succedere ...Non avere rimorsi.Ah! Rassicuro tutti quanti che Luca oltre a ricordarsi di Flavio qui nel blog è anche molto vicino alla famiglia , una splendida famiglia! Un saluto

    RispondiElimina
  6. Fabio Ippolito4 maggio 2015 21:40

    Anche noi vorremmo poter tornare indietro ..... ma come ho già avuto modo di dirti .... anche in tre o quattro non avremmo potuto fare niente .... ma proprio niente se non assistere al destino che stava compiendosi .... ciao Luca .... torno in cucina dove Grazia sta guardando vecchie foto con Marisa .....
    Fabio.

    RispondiElimina