domenica 22 settembre 2013

CUESTALTA

Marisa e Luca 22 settembre 2013



clicca sulla foto sopra per vedere l'album dell'escursione ...

L’impressione è sempre la stessa, il verde e ampio anfiteatro sembra una valle sospesa tra il cielo e il fitto bosco della Foresta di Pramosio. Le cime della Creta di Timau, Avostanis, Mezzodi e Scarniz a fare da cornice alla bella conca dove sorgono i complessi della omonima casera, ci accolgono sorridenti, ma un po’ freddine, come a ricordare che la bellezza dei luoghi in realtà nasconde i lamenti delle fatiche umane assurdamente sacrificate per dei confini dei quali ora non rimangono che vecchi manufatti esposti alla disgregazione inesorabile del tempo.
Il ricordo di un anno fa si fa subito sentire quando scendiamo dall’auto, avviandoci su per la stradina che sale al lago. Un pizzicante vento freddo che segna l’ormai inesorabile fine dell’estate ci accoglie. Metti poi un gruppo di nuvole basse, nebbiose, in direzione di Sella Cercevesa e dello Scarniz e subito ci torna in mente la ritirata obbligata. Ma dura poco, le nuvole si spostano veloci mentre noi, superato il Passo Pramosio, risaliamo i ripidi prati dello Scarniz. La Creta di Timau e la Cima Avostanis giocano a nascondino con le nubi.


Mentre saliamo c’è gente che scende, riconosco Maggie, poi Giovanni ed Elena, ci salutiamo dopo un sacco di tempo, un po’ di chiacchiere, poi loro scendono verso la Casera e noi saliamo destinazione Cuestalta. Si sono alzati presto loro per andare a vedere i cervi nella valle di Pecol di Chiaula. Noi invece ce la siam presa comoda, dedicando la giornata alla cima Cuestalta e a percorrere per non dimenticare i resti di trincee e camminamenti della Grande Guerra. Già al Passo Pramosio un po di resti.
Si sale a serpentine per superare quasi subito tutto il dislivello della giornata, fino dove il sentiero si appiana e compaiono altri resti di guerra. Per un attimo tralasciamo la piccola croce dello Scarniz e ci avviamo lungo il camminamento che procede, poco sotto la cresta in direzione della Cuestalta, mentre un buon sole e un bel venticello si fondono giustamente per darci un po’ di caloroso benvenuto.


Lungo il versante ovest dolci saliscendi, tra le erbe e inaspettati panorami che stavolta possiamo gradire, poi una nuvola passeggera sembra correre apposta per nascondere e poi per regalare con sorpresa la parte finale della nostra meta, la vetta della Cuestalta, con tutta la sua cresta e le sue rocce tormentate, disgregate, con i segni ben visibili della memoria. Colpisce la cima, fatta di roccia, quasi non c’entra con il resto del paesaggio erboso, di scaglie rossicce e scisti tipico delle Lastre del Cercevesa.


La parte finale, appena sotto la cima richiede di superare un breve passaggio esposto e ci vuole un po’ più di attenzione. Ma alla fine eccoci in cima, una bella croce di vetta, un panorama a 360 gradi da gustarci da soli, per pochi attimi, sensazioni che ogni volta si ripetono ma di cui è difficile esserne assuefatti.



In arrivo dalla ferrata e da punta Medatte si sentono altre persone, lasciamo spazio in silenzio, perché anche loro possano godere come noi di queste sensazioni, di questi attimi di incondizionata libertà.

La discesa, riattraversiamo la traccia accidentata e martoriata dalla guerra, che porta giù verso il leggero falsopiano che sfiora il crestone, percorriamo brevi tratti sul filo, a leggere un po’ di storia, a guardare lontano, la giornata non è molto nitida, ma va bene. Resti di manufatti, rocce traforate da trincee e bunker, su queste rocce furono sparati i primi colpi durante il 1914.


Ci fermiamo un attimo a raccogliere i pensieri di fronte ad una piccola, per molti insignificante, croce, poi giù lungo il costone, ancora tra resti di guerra, piegando poi a sud, a raggiungere il sentiero che porta al Passo e alla strada...........


......... tra il verde quasi spento e i colori di un autunno ormai vicino.


8 commenti:

  1. ullalà che foto!!!! Ma hai cambiato "attrezzo".... :D Una camminata, un giusto equilibrio, il passaggio da una stagione ad un'altra ben rappresentato: e poi dicono che non esistono più le mezze stagioni... ;) ciao cari

    RispondiElimina
  2. montagnesottosopra29 settembre 2013 14:09

    Originally posted by frivoloamilano:ullalà che foto!!!! Ma hai cambiato "attrezzo".... :D Una camminata, un giusto equilibrio, il passaggio da una stagione ad un'altra ben rappresentato: e poi dicono che non esistono più le mezze stagioni... ;) ciao cari

    Il cambio attrezzo è arrivato, nella giusta stagione, quella dei colori per me più belli, vedremo se saremo all'altezza...;) Poi la Cuestalta è una delle cime a cui abbiamo dovuto rinunciare per il maltempo, stavolta è andata meglio.

    Ciao Frivoli

    RispondiElimina
  3. giovanni writes:Luca, Luca non lamentarti poi se ti aumenta il mal di schiena con la 5100 in spalla o ancora peggio al collo ;D. Ottimo acquisto!!! E naturalmente bel giro!Mandi

    RispondiElimina
  4. montagnesottosopra29 settembre 2013 19:09

    Originally posted by anonymous:giovanni writes:Luca, Luca non lamentarti poi se ti aumenta il mal di schiena con la 5100 in spalla o ancora peggio al collo ;D. Ottimo acquisto!!! E naturalmente bel giro!Mandi

    Mandi Giovanni, due alternative, o cala la panza o porto acqua in meno. Comunque mi tengo allenato, ho sentito strani discorsi di qualcuno che nel caso vuol essere portato a cavalluccio ..... :whistle: :whistle: :whistle: !

    RispondiElimina
  5. Nadia writes:Ma quanto è carina la croce del Scarniz con quel fiore?? Fin lì c'ero arrivata..mi toccherà fare il resto del percorso..mi manca la (o il?) Cuestalta!! che bei colori!!! magari in una prossima solitaria! ;)Ps. Giovanni e Elena sono ancora vivi allora! ;)Salutoni ad entrambi!!!

    RispondiElimina
  6. montagnesottosopra30 settembre 2013 22:09

    Originally posted by anonymous:Nadia writes:Ma quanto è carina la croce del Scarniz con quel fiore?? Fin lì c'ero arrivata..mi toccherà fare il resto del percorso..mi manca la (o il?) Cuestalta!! che bei colori!!! magari in una prossima solitaria! ;)Ps. Giovanni e Elena sono ancora vivi allora! ;)Salutoni ad entrambi!!!

    Mandi Nadia. La piccola croce con il fiore non può non colpire la sensibilità e merita qualche attimo di riflessione.....
    saluti all'Alpinfamily :yes:

    RispondiElimina
  7. già eri bravo...cosa posso aspettarmi ora...questa è anche la mia stagione preferita...neve permettendo...ah ah ahmandi

    RispondiElimina
  8. montagnesottosopra18 ottobre 2013 22:10

    Originally posted by Highlanders:già eri bravo...cosa posso aspettarmi ora...questa è anche la mia stagione preferita...neve permettendo...ah ah ahmandianche per me questa è la stagione migliore, mancherà un po il caldo ma ci si scalda con i colori :) :) :) !

    RispondiElimina