giovedì 15 agosto 2013

SUI SENTIERI DELLE ODLE : OBERER HERRENSTEIG

Val di Funes - 15 agosto 2013

Di fronte le Odle di Eores/Aferser Geisler. Un sentiero famoso le attraversa toccando la cima più alta, il Tullen. Altri due passano sotto, più o meno equidistanti e paralleli. Uno prevalentemente nel bosco, l’altro tre erbe e rocce sul versante meridionale del Monte Ruefen. Sono “I sentieri dei Signori” propriamente chiamati perché soggetti nel XVI secolo al dominio dei principi del Tirolo.

 .
Dopo le due escursione sotto le Odle, da dove si vedevano i prati e le cime rocciose di questo gruppo, decidiamo di percorrere questi vecchi sentieri silenziosi, meno frequentati, tra i boschi e i prati in quota coperti da stelle alpine, appena sotto le rocce del Walscher Ring, del Tullen e della Weisslahn.
Da Zannes Il seguiamo il comodo sentiero che risale la destra orografica del Rio Caseril, convinti che sarà un bel giro, sicuramente meno famoso e pretigioso dell’AltaVia Gunther Messner ma comunque molto di più di una semplice alternativa.
Prima dei prati di Malga Caseril ad un bivio prendiamo a sinistra. Si sale, a strette serpentine in un bel bosco poco fitto che ci consente di spaziare con lo sguardo sui verdi di Malga Gampen, sul passo Poma, sulle sempre presenti forme delle Odle. Prima in salita, poi verso sinistra, sempre nel versante meridionale pieno di rocce su un sentiero sicuramente più stretto di quelli percorsi ieri, a volte leggermente esposto ma mai difficile. Si continua a salire, poi ad un bivio ancora in salita sul sentiero superiore, seguendo le indicazioni per la “Gunther Messner”.



In bellissima traversata si accarezzano i fianchi della montagna poi ancora in salita. E’ un vero piacere raggiungere e superare le sporgenze dell’Alpe di Kofel, fino alla sua massima elevazione, il bosco lascia posto inaspettatamente a prati verdi dove ogni fiore ha la sua farfalla, dove le stelle alpine numerosissime allietato i cuori e le gambe vanno che è un piacere, indifferenti a qualsiasi sforzo, incurisiosite dalla voglia di sapere cosa c’è oltre ogni sporgenza, oltre ogni costa di erba e rocce, alla ricerca della migliore veduta sulle pareti nord delle Odle che da qui appaiono ancora una volta protagoniste.


Nel punto più alto ci fermiamo per poi scendere fino al bivio dove il sentiero dei Signori si innesta sulla Via Gunther Messner che dopo una sosta percorreremo per un tratto in discesa. Forte è la tentazione di prendere la direzione in salita per andare verso il Tullen, ma oggi nessun fuori programma. Qui se ci lascia prender la mano i percorsi son come le patatine, uno tira l’altro…….


Scendiamo verso la Furtschellensattel, li vicino la cimetta tondeggiante del Kalbergarten Spitze e poi ancora giù verso nord, sotto la cresta di Lavina Bianca, di fronte a noi cambia la visuale in direzione delle morbide forme della Plose. Ad un bivio prendiamo a sinistra, scendendo ancora verso i Prati del Covelo/ Kofelwiese e poi ancora giù, si rientra nel bosco, siamo nel sentiero dei Signori Inferiore.


Lo assecondiamo toccando la cimetta del Platscherkofel ( Vallettaccia). Ormai in direzione del ritorno ci fermiamo presso un belvedere sulla Val di Funes, a picco su un profondo dirupo, poi sempre a saliscendi, riprendiamo il lungo attraversamento dei fianchi boscati fino ad un ultimo bivio dove in ripida e scoscesa discesa si rientra a Zannes.


Quella di oggi è stata una piacevole sorpresa, un giusto completamento delle nostre escursioni in Val di Funes, fatte di semplice piacere di camminare in comodo silenzio, di fronte ad uno spettacolo della natura, lontani dal trambusto, su antichi sentieri. E’ bello bighellonare tra prati e boschi per un momento liberi da preoccupazioni.

6 commenti:

  1. frivoloamilano29 agosto 2013 20:08

    passi lievi e altrettanto lievi parole su territori bellissimi. ciao ;)

    RispondiElimina
  2. ezio writes:Ciao Luca ti "invidio" quelle zone sono sempre meravigliose ,purtroppo causa lavoro le ferie non sono riuscito a fare ma qualche fine settimana in montagna si. Come sempre le tue foto fanno ben capire quello che voi avete ammirato di persona .ciao

    RispondiElimina
  3. montagnesottosopra30 agosto 2013 22:08

    Originally posted by anonymous:ezio writes:Ciao Luca ti "invidio" quelle zone sono sempre meravigliose ,purtroppo causa lavoro le ferie non sono riuscito a fare ma qualche fine settimana in montagna si. Come sempre le tue foto fanno ben capire quello che voi avete ammirato di persona .ciao

    Ciao Ezio, bentrovato
    era qualche anno che in estate non riuscivamo a fare ferie, questa volta è andata bene direi !

    RispondiElimina
  4. montagnesottosopra30 agosto 2013 22:08

    Originally posted by frivoloamilano:passi lievi e altrettanto lievi parole su territori bellissimi. ciao ;)

    certamente siamo rimasti meravigliosamente soddisfatti, da tornare !

    RispondiElimina
  5. giovanni writes:son felice per voi per le belle gg che avete trascorso in funes e per aver condiviso, come sempre, in modo impeccabile il tutto!mandi sotsore

    RispondiElimina
  6. montagnesottosopra1 settembre 2013 00:08

    Originally posted by anonymous:giovanni writes:son felice per voi per le belle gg che avete trascorso in funes e per aver condiviso, come sempre, in modo impeccabile il tutto!mandi sotsore

    Grazie Giovanni :up:

    RispondiElimina